Cerca

STORIA - La rivoluzione dell'anno mille (1 di 3)

Partiamo, in questo programma di storia della terza superiore, da quella che gli storici definiscono "La svolta dell'anno mille" e partire dalla svolta dell'anno mille porta ad affrontare un primo tema ossia quello della periodizzazione. Possiamo dire che in storia periodizzare non è solamente e solo stabilire le date importanti, stabilire delle date significative ma il termine è usato con il significato di dare una caratteristica e dare quasi dei contenuti interpretativi ai periodi che sono delimitati dagli anni. Scegliedo due date (una di inizio e una di fine) e provare ad individuare le caratteristiche di quel periodo che vanno dalla politica alla cultura, dalla società all'economia.

Possiamo definire l'antichità come un macro-periodo all'interno del quale vi è la Grecia che è a sua volte un macro-periodo per vie di tutte le epoche che essa contiene (monarchia, città stato, macedoni) oppure Roma (Monarchica, repubblicana,imperiale) diamo, quindi, delle caratteristiche macro ma poi esso viene suddiviso in altri periodi abbiamo altre sottocategorie. Dare o fare una periodizzazione significa individuare delle date che sono significative ed evocative di un periodo che ha poi delle caratteristiche determinate che possono essere: Sociali, culturali, politiche, economiche. Vi è l'età delle grandi scoperte geografiche, vi è l'età delle grandi rivoluzioni (Inglese, francese, Americana), l'età delle guerre mondiali, l'età dell'umanesimo. Scegliamo degli avvenimenti per poi poter costruire un racconto. La storia è infatti un racconto, fare storia vuol dire anche raccontare il passato non in maniera favolistica ma basandosi sulle fonti (fonti primarie, secondarie, scritte, orali, monumentali, carte geografiche). Le fonti sono utili per raccontare, ricostruire ed interpretare la storia. Cosa è stato il fascismo? Cosa è stato il comunismo?, Cosa sono state le crociate?. Forse il periodo non è neanche indicabile come "il periodo delle crociate" in quanto ogni crociata si differenzia dalle altre per motivi di caratteristiche che è quasi una forzatura dire "il periodo delle crociate". Il periodo in cui avvengono queste conquiste, battaglie, imprese ci sono caratteristiche diversissime e vedete già che il termine implica grande eterogeneità e grandi differenze. La periodizzazione è sempre una scelta, periodizzare implica scegliere quali fatti mettere assieme. Se vogliono dare delle connotazioni politiche, economiche o militari si possono creare anche dei periodi storici diversi, se scelgo un luogo specifico posso dar vita a dei periodi storici diversi. Periodizzare significa quindi scegliere: delle date, degli eventi, dei luoghi. L'umanesimo non riguarda soltanto l'Africa nera o l'Asia e dunque è tendenzialmente eurocentrico come periodo. Periodizzare vuol quindi dire scegliere ed evidenziare di quel periodo determinate caratteristiche e determinati aspetti.

La svolta dell'anno mille è una periodizzazione e non significa anno 1000 ma indichiamo un periodo che può partire dalla fine del novecento per arrivare al 1100, forse si protrae fino al 1200. E' una svolta, una rinascita che innesca cambiamenti, ma svolta dell'anno mille non riguarda l'anno mille, ma usiamo mille con la M maiuscola. Mille la fine del mondo, il millenaurismo, cosa accadrà? Ma non è come avviene oggi che vi è una percezione del tempo per tutti e non vi è una storia anno per anno. La storia è molto più lenta, parliamo dunque di anno mille in senso molto ampio e si parla di avvenimenti che si svolgono in un'arco di tempo molto ampio. Il mondo di oggi si svolge in un modo molto più rapido mentre i decenni attorno all'anno mille sono dei decenni lenti, l'epoca è lenta. Parliamo quindi di svolta dell'anno mille per indicare che attorno a quel periodo accadono delle cose che mutano e trasformano il vecchio continente. Trasformazioni democrafiche, trasformazioni economiche,trasformazioni anche di tipo culturale e politico. Sono anni di cambiamento, anni anche di attesa della fine del mondo, gli annunciatori della fine del mondo "Arriva il mille". Pensate che l'arrivo del duemila, la suggestione che potesse accadere qualcosa si è diffusa nel nostro mondo che è un mondo mediamente scolarizzato, con alcune competenze di analisi, di lettura e di scrittura ma si pensava che le macchine nel passaggio da 1999 a 2000 avessero poi dei bugs che determinassero l'implosione ed il non funzionamento dei computer e dunque so pensava a cosa sarebbe potuto accadere con le banche e con i sistemi di telecomunicazione. E' un racconto che ci piace anche fare. All' epoca il 1000 era veramente intriso di religiosità "Mille e non più mille si dice, si apriranno i cieli, arriveranno i quattro cavalieri dell'apocalisse" questo racconto c'è e c'è quindi anche un'attesa spasmodica dell'anno 1000. Ovviamente alla mezzanotte dell'anno mille non succede nulla di così specifico nel singolo anno, ci sono invece dei cambiamenti nell'arco temporale più vasto.

Vediamo insieme gli elementi, le caratteristiche e le specificità che ci fanno parlare di svolta dell'anno mille, perchè se parliamo di svolta dell'anno mille qualcosa nei decenni e nei secoli accade (se non parleremo di svolta), è vero che gli storici possono interpretare le cose in maniera un po' diversa, ma le cose accadono e se si parla di svolta dell'anno mille è perchè qualcosa è accaduto.

La prima svolta a cui si assiste è una crescita democrafica, l'aumento della popolazione.

Si assiste ad una significativa crescita della popolazione in Europa, tant'è che si parla di "popolamento dell'europa". La demografia è la disciplina che studia l'andamento della popolazione, è una scienza importante per gli storici tra le molte importanti per loro. La sociologia, l'antropologia, ovviamente le scienze nel senso più ampio del termine, è importante la metereologia per poter capire il clima delle epoche antiche.

Come ha influenzato l'economia, la politica, le guerre. La democrazia è una disciplina che serve alla storia che ha bisogno degli studi democrafici per poter capire come funzionavano le città con un diverso numero di abitanti per capire come funzionavano il mercato, come funzionavano gli eserciti, come funzionavano i mercenari ed un domani la raccolta dei rifiuti. La demografia studia i tassi di fecondità, i tassi di mortalità partendo dai censimenti e deve cercare i documenti ed in particolare i censimenti in varie parti del mondo: Nell'impero turco, nell'impero romano, nella chiesa e nei vescovadi dove si annotavano le nascite e le morti delle persone ed il numero di abitanti dopo un'evento specifico: Una guerra, una carestia. Oggi c'è un programma che dice in tempo reale che, lavorando su dati medi, riesce a dire quante persone stanno morendo oggi nel mondo, quante persone stanno nascendo. I democrafi ci dicono che attorno all'anno 1000 assistiamo ad una crescita estremamente significativa degli abitanti: In Inghilterra, In Francia, ma anche nella nostra penisola aumentano i villaggi, crescono le piccole e medie città. Quali furono però le cause che portarono a questo aumento: La prima causa fù l'aumento della produttività agricola con più legumi, più ortaggi, più allevamento di ovini, suini e bovini. Tutto questo è sinonimo di più cibo a disposizione vorrà dire più proteine, più formaggi, più calcio e più forze per resistere a polmoniti, a influenze, a malnutrimento. Dunque più produttività agricola, maggiore alimentazione e dunque più resistenza. Un'altra causa di questo aumento fù il miglioramento delle condizioni dei servi, molti servi della gleba (che erano di proprietà del proprietario terrerio) molti servi migliorano la loro condizione ed aumentano la loro produttività ed aumentano la loro famiglia. Dunque questo fa si che si coltivino nuovi spazi.

Nascono anche nuove città che hanno dei loro servizi limitati come il mercato, ed anche in questi contesti aumenta sia la natalità che la protezione e quindi la mortalità è minore o aumenta la natalità. Vi è anche miglioramento delle condizioni igenico-sanitarie che vuol dire pulizia in strada, più acqua.

Il secondo punto di questa crescita democrafica è l'evoluzione di nuove tecnologie e ci sono significative innovazioni soprattutto nell'ambito agrario nasce l'aratro che stabilisce un'enorme cambiamento. Nasce l'aratro pesante con due lame che scavavano solchi profondi montati su una struttura mobile che era dotata di almeno una ruota. La necessità di farlo trainare da buoi o da cavalli è alla base del successivo sviluppo delle impragature. Per l'aratro pesante servono animali con una forza lavoro importante e si inventano impragature per far si che l'animale fosse agevole durante il lavoro e poteva andare in profondità in modo tale che le sementi erano maggiormente seminate.

211 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

FREUD - Laboratorio 2020 2021

Prima lezione di questo laboratorio di filosofia/psicologia e psicoanalisi, è un laboratorio in cui affronteremo i temi della rivoluzione psicoanalitica freudiana ma non rimanendo tendenzialmente solo

1. L'uomo è un'animale creatore di cultura

La prima lezione di questa storia della pedagogia è ovviamente dedicata ad introdurre il tema dell'istruzione e dell'educazione. Cercando anche di capire che rapporto vi è tra istruzione ed educazion

1. Platone, il filosofo della totalità

Introdurre Platone è un’impresa a dir poco ardua e titanica in quanto Platone è il filosofo, il pensatore antico, più importante di tutti in quanto, i temi e gli argomenti che vengono impostati, delin